Provincia di Alessandria

Volpedo (AL) : Pieve di San Pietro

volpedo1

Storia del sito:
La pieve è citata per la prima volta in una pergamena del 965 conservata presso l’archivio Capitolare di Tortona. Alla costruzione originaria del X secolo appartengono, oltre all’abside, la sommità della parete di fondo della navata centrale e un tratto della parete longitudinale della facciata settentrionale, mentre le restanti mura perimetrali, la facciata e il portale risalgono al rifacimento del XV secolo, epoca di realizzazione anche degli AFFRESCHI interni, recentemente restaurati.

Descrizione del sito:
L’edificio ha una struttura in mattoni e ciottoli di fiume. La facciata è a salienti; l’altezza delle navate laterali era in origine assai più bassa e fu innalzata nella ricostruzione del XV secolo. Sulla facciata si trova un portale ogivato, di fattura assai semplice, e sono utilizzate decorazioni a lesene disposte asimmetricamente. Scomparse le originarie absidiole che chiudevano le navate laterali, è rimasta solo l’abside maggiore, ornata da lesene con archetti pensili.
L’interno è a tre navate, divise da file di quattro pilastri quadrangolari che sorreggono archi a sesto acuto o a tutto sesto; la copertura è a capriate. Gli AFFRESCHI sono tardo quattrocenteschi e si è ipotizzata l’opera dei fratelli Boxilio (indicati nei documenti d’archivio anche come Baxilio, o Basiglio), di Castelnuovo Scrivia, titolari della più importante bottega del tortonese.
Il catino absidale è occupato dalla figura del Cristo pantocratore circondato dai simboli dei quattro evangelisti (Tetramorfo), con la figura elegantemente abbigliata della Vergine da un lato e da quella di San Michele Arcangelo dall’altro. Nel registro inferiore, in una nicchia collocata proprio sotto la mandorla con il Cristo, è posta – a sottolineare la continuità tra Vecchio e Nuovo Testamento – la figura di Re Davide, ritratta con barba e capelli canuti e con abiti che paiono tratti da una miniatura cortese. Essa è affiancata sui due lati dalla usuale teoria dei Dodici Apostoli e da un’immagine del Cristo in Pietà. Lo stile, a dispetto della data di esecuzione, è ancora marcatamente gotico. Al fondo della navata destra è stata collocata una bella Madonna col Bambino, frammento di un affresco dello stesso periodo ed immagine cara alla devozione popolare. I robusti pilastri delle navate ospitano un’interessante teoria di ex voto: si tratta delle immagini dei santi invocati dai fedeli che compongono, nel loro insieme, una notevole galleria iconografica realizzatasi nel corso del XV – inizi del XVI secolo. Solo di alcune opere la critica è riuscita recentemente a riconoscere la paternità: un certo Antonius firma un frammento posto sulla parete a destra dell’abside (1462) e avrebbe anche dipinto le figure dei Santi Cosma e Damiano sul quarto pilastro destro. L’autore dell’edicola addossata la terzo pilastro destro, raffigurante la Vergine in trono con i santi Giacomo ed Agata (1502) è individuato in Giovanni Quirico da Tortona.

MURA DEL CASTRUM La fortificazione fu costruita intorno al X secolo; nel XIX sec. ci fu l’abbattimento delle mure medioevali, di cui solo un tratto oggi ristrutturato, è rimasto integro grazie all’intervento del pittore Giuseppe Pellizza.

Nella piazza principale (piazza della Libertà) si trova l’ottocentesco palazzo municipale, all’interno del quale è presente una lapide con bassorilievo marmoreo che ricorda la donazione di Volpedo da parte di Perino da Cameri alla Madonna, eseguita dallo scultore Jacopino da Tradate poco dopo il 1426, per commissione della Fabbrica del Duomo di Milano che da Perino ricevette il feudo e lo tenne sino al 1756.

Descrizione dei ritrovamenti:
Una stele sepolcrale del I secolo, oggi incastonata in un muro laterale della canonica parrocchiale, testimonia la presenza romana, anche se l’insediamento di Volpedo probabilmente risale alle antiche popolazioni liguri.

Informazioni:
Via Cavour.  Comune, tel. 0131 80141 o Parrocchia tel. 0131 80136

Links:
http://www.comune.volpedo.al.it/

http://www.comune.volpedo.al.it/ComGalleria.asp?IdCategoria=186

http://it.wikipedia.org/wiki/Pieve_di_San_Pietro_%28Volpedo%29

Fonti:
Notizie e fotografie tratte dal sito del Comune.

Data compilazione scheda:
29 novembre 2011 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – G.A.Torinese

volpedoabside

volpedo-abside

volpedo aff2

volpedoaffr1

volpedo cosmaeDamiano

volpedo mura

160px-Stele_romana_volpedo

Visone (AL) : resti di edifici medievali

450px-Visone-torre_e_castello2

Storia e descrizione dei siti:
Le prime strutture fortificate sorsero sul luogo intorno all’anno Mille e vennero potenziate nel corso del XIV secolo; dell’antica struttura rimangono oggi visibili l’imponente TORRE quadrata, coronata superiormente da una duplice fascia di archetti ciechi e dall’apparato a sporgere, ed alcuni tratti di muratura del CASTELLO Malaspina, storicamente importante perché qui che venne redatto e siglato, nell’anno 991, l’atto di fondazione dell’abbazia di San Quintino di Spigno, documento fondamentale per lo studio della storia e della geografia dell’Alto Monferrato in età medioevale.
Delle fortificazioni del borgo rimangono invece i resti di una TORRE-PORTA.

Quella che è stata un tempo la piccola CHIESA CIMITERIALE DI SAN PIETRO, che è ormai ridotta allo stato di rudere e si avvia alla completa rovina, presenta tali somiglianze con la pieve di San Vito di Morsasco da poter definire le due costruzioni pressoché identiche; non solo nel taglio e nella conformazione dei conci, ma addirittura nella loro messa in opera si riscontra un identica procedura, al punto da far pensare ad una stessa maestranza. La costruzione risale al XII secolo. In passato Visone era famosa per le cave di pietra.

Informazioni:
Comune tel. 0144 395297

Links:
http://www.inforestauro.org/index.php?option=com_content&view=article&id=1173&Itemid=213

http://www.ilmonferrato.info/ov/visone/visone1.htm

http://it.wikipedia.org/wiki/Visone_%28Italia%29

Fonti:
Testo e fotografia in basso tratti dal sito sopra indicato. Fotografia in alto da Wikimedia Commons.

Data compilazione scheda:
31 dicembre 2011 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – G.A.Torinese

visone02

Viguzzolo (AL) : Pieve di Santa Maria Assunta

320px-Viguzzolo_Pieve_Santa_Maria_3

Storia del sito:
La pieve romanica di Santa Maria Assunta fu costruita probabilmente nel secolo XI all’esterno dell’antico abitato, anche se un documento dell’893 attesta che già allora esisteva un edificio di culto. La presenza di elementi architettonici anteriori al Mille convalida l’ipotesi. Dopo un periodo di sviluppo e importanza fra XII e XIII secolo, la pieve fu abbandonata. Nel 1570 fu riparato il tetto, ma la situazione di incuria continuò a crescere. Nel 1905 fu restaurato il pavimento, nel 1937-38 – sotto la guida di Carlo Ceschi – fu ricostruita l’abside di sinistra sui resti dell’originaria e fu riportato a vista il paramento murario della facciata e dell’interno. Nel 1935 era stato trasferito il cimitero che circondava la costruzione.

Descrizione del sito:
La Pieve è una costruzione a tre navate con tre absidi semicircolari (l’unica originale è quella centrale, quella di sinistra è stata ricostruita durante i restauri) e tetto a doppio spiovente. La facciata, decorata da archetti pensili divisi irregolarmente da sottili lesene, presenta una porta ad arco a tutto sesto, un occhio circolare e un piccolo campanile a vela, probabilmente di costruzione posteriore. La navata centrale ha quattro arcate che poggiano su pilastri quadrangolari cui sono addossate semicolonne di mattoni.
Nell’abside centrale sono presenti tracce di affresco raffigurante Cristo Pantocratore tra i Santi Cosma e Damiano, risalente all’XI secolo. Da alcuni anni è stato posto nella chiesa un Crocefisso ligneo del XVI secolo: la testa, grazie ad uno snodo, può muoversi dall’alto verso il basso: gli studi effettuati hanno confermato che veniva utilizzato durante i processi dell’Inquisizione. Nella navata di destra si apre l’accesso alla cripta che presenta tre navatelle con sei colonnine in pietra sormontate da capitelli cubici che reggono le volte a crociera.

Parrocchiale dell’Assunta: costruita dal 1598 su un precedente oratorio del XI-XIII secolo, conserva alcune vestigia nella parte sud dell’edificio.

Descrizione dei ritrovamenti:
Nella navata di sinistra della pieve vi è una tomba “a cappuccina” ritrovata a Viguzzolo, probabilmente del periodo tardo romano – alto medievale.

Informazioni:
Largo Caduti per la Patria, a fianco della Strada Provinciale 99,95.   Comune tel. 0131 898398

Link:
http://www.comune.viguzzolo.al.it/viguzzolo/pieve.htm

http://it.wikipedia.org/wiki/Viguzzolo#Pieve_di_santa_Maria

http://www.cittaecattedrali.it/it/bces/107

Bibliografia:
Vedi pagina  del sito del Comune sopra indicata.

Fonti:
Immagini dai siti sopra indicati e da Wikimedia commons; foto 3 da http://www.cittaecattedrali.it

Data compilazione scheda:
20 Novembre 2011 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – G.A.Torinese

Viguzzolo_Pieve_2

viguzzolo-interno

Viguzzolo_Pieve_Santa_Maria_Cripta

Treville (AL) : Chiesa di San Quirico

treville1sQuirico

Storia del sito:
La chiesa risale al XII secolo e compare in documenti del 1299, 1348, 1360 e 1440 che menzionano una chiesa a Treville e una ad Arliate (località poi scomparsa prima del XVI secolo). Le rispettive dedicazioni, riportate soltanto nei due elenchi trecenteschi, sono a Sant’Ambrogio e a San Quirico. Con la dissoluzione del sistema plebano, entrambe le chiese funzionarono per un certo tempo come parrocchie, finché la chiesa di Arliate, scomparso l’insediamento circostante, decadde a semplice chiesa campestre, mentre la chiesa di Sant’Ambrogio acquisiva il titolo di pievania. Tale processo, iniziato probabilmente attorno alla metà del secolo XV, risulta pienamente compiuto alla fine del secolo successivo, all’epoca della visita pastorale del vescovo Marcantonio Gonzaga (1590). La cancellazione definitiva della chiesa di San Quirico dal panorama cultuale trevillese avvenne però soltanto nell’età contemporanea, quando fu sancita dalla traslazione e aggregazione alla parrocchiale di Sant’Ambrogio del titolo dell’antica chiesa. Però, fino alla metà dell’Ottocento, la chiesa di San Quirico continuò a rappresentare un punto di riferimento essenziale per la vita religiosa di Treville perchè, oltre che a svolgere la funzione di chiesa cimiteriale, ancora verso il 1830, veniva officiata nel giorno del santo titolare e in occasione della Pentecoste.
Abbandonata e andata poi in rovina, era crollato il tetto alla fine degli anni Settanta dello scorso secolo. Divenne in seguito di proprietà del Comune, che la fece restaurare nel 1985-6 e nel 1992-93.

Descrizione del sito:
Edificio orientato, ad aula unica, con abside semicircolare, facciata a capanna. Muratura in pietra da cantoni, con archetti e semplici decorazioni in cotto. Abside divisa in tre campiture da due paraste, con tre monofore decorate.

I Pellegrini medievali, lasciarono sui muri della chiesetta di San Quirico numerose tracce e testimonianze, sotto forma di graffiti. I principali sono raffigurati nel libro indicato in bibliografia.

Informazioni:
Località Crosietta (Crosetta) su un poggio in mezzo ai vigneti.  Comune tel. 0142 497006

Link:
http://www.comune.treville.al.it/

Bibliografia:
ALETTO C. (a cura di), Graffiti – Iscrizioni e figurazioni incise sulla Pietra da Cantoni, edito dall’Ecomuseo della Pietra da Cantoni” (con sede a Cella Monte), 2004

Fonti:
Notizie e prime due fotografie tratte dal sito del Comune. Ultima fotografia da http://digilander.libero.it/alfre55/covo/treville/treville_san%20quirico.htm

Data compilazione scheda:
27 novembre 2011 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – G.A.Torinese
treville-interno-Foto-Ettore-Pugno

treville2squiricoabs

Tortona (AL) : Museo Civico

tortona-museo civico

Storia del Museo:
Ordinato nei primi anni di questo secolo (1905) ad opera della Società per gli studi di Storia, Economia ed Arte nel Tortonese (sorta nel 1903 ed ancora attiva come Società Storica Pro Iulia Dertona) trovò sistemazione a Palazzo Guidobono nel 1955, dopo i lavori di restauro che avevano interessato l’edificio dal 1938. Il primo nucleo di materiali (soprattutto lapidi e reperti fittili) risale al 1891, quando la preziosa collezione archeologica del cav. Cesare De Negri Carpani, alla sua morte e secondo le sue volontà testamentarie, venne divisa fra Alessandria e Tortona. Nel 1905 la raccolta si arricchì per la donazione alla città, da parte del vescovo mons. Igino Bandi, di importanti pezzi (tra cui il sarcofago di P. Elio Sabino) fino ad allora conservati in Cattedrale e nel Palazzo Vescovile.

Descrizione del materiale :
Attualmente il Museo raccoglie più di 2000 reperti, testimonianze tanto concrete quanto affascinanti della storia locale, dalle epoche più remote al Medioevo. Del resto il nome di Tortona si può leggere anche nei libri di geologia e già nelle primissime pagine di quelli di storia. Infatti, Tortoniano ha nome uno dei piani del Miocene (che termina 7 milioni di anni fa) e lo Sperone di Tortona è una tipologia geologica le cui successive, varie formazioni sono abbondantemente fossilifere. Il Museo possiede una interessante raccolta di fossili locali ed è in grado di documentare anche la più antica presenza dell’uomo nella nostra zona: un cranio neolitico, appartenuto probabilmente ad un maschio di 20 anni e risalente al quarto millennio a.C., alcuni pezzi di corna di cervo lavorate e selci scheggiate costituiscono il piccolo, ma significativo retaggio della presenza umana nel Tortonese prima dell’epoca storica. L’origine di Tortona sembra potersi far risalire con sempre maggior certezza ad un insediamento preistorico ligure sulla collina del castello, tra l’VIII e il V secolo a.C.. In effetti, durante lavori di recupero, consolidamento, studio stratigrafico del muro romano di Via alle Fonti sono stati rinvenuti frammenti ceramici dell’età del ferro, che assieme al materiale laterizio proveniente dal castelliere del Guardamonte di Gremiasco rappresentano il nucleo ligure del Museo. La civiltà gallica è presente con diverse fibule intere o frammentarie, mentre qualche bel vaso di bucchero testimonia che gli Etruschi sono passati di qui. Il Museo, comunque, si qualifica soprattutto per il materiale romano, proveniente da Julia Dertona, la seconda colonia romana dedotta tra il 40 ed il 30 a.C. sul territorio della più antica Dertona, sorta nel 120 a.C. circa, a seguito di una colonizzazione d’età repubblicana, di poco successiva a quella promossa da Caio Gracco. Altre fonti letterarie antiche (in particolare Livio, Ab Urbe condita XXXII, 5, 49 e Strabone, Geographicon V, I, 11) collocano Dertona tra le città romane nobili e degne di considerazione e come importante nodo stradale. In effetti, alcuni dei pezzi conservati nel museo sono di così singolare bellezza o di proporzioni tali da confermare l’ipotesi che la città fosse grande, fiorente e ricca di edifici pubblici e di templi. Fra i reperti, particolarmente interessanti e pregevoli sono: – il sarcofago marmoreo di Publio Elio Sabino (sec. III d.C.); – la lapide dei tre ciabattini, stele d’arenaria (sec. III d.C.); – il pavimento a mosaico policromo (età imperiale); – le fistulae plumbeae dell’acquedotto (età imperiale); – le lucerne fittili e le anfore vinarie; – la collezione di monete. Stando alle testimonianze d’epoca, per altro non prive di riscontri in studi recenti, Tortona sarebbe la più antica colonia romana del Piemonte e sembra poter vantare questo primato anche come diocesi. Sebbene abbia scarsi fondamenti storici la tradizione che attribuisce già alla fine del I secolo, l’evangelizzazione del territorio dertonino e la fondazione della diocesi di Tortona ad opera del vescovo Marziano, martire nel 122 d.C., è invece accertato che alla metà del IV secolo Dertona è sede vescovile ed il suo vescovo Innocenzo appare a capo di una comunità cristiana solida ed attiva. Se si tien conto della datazione e del numero delle iscrizioni (54 fino al VI sec.) e delle lucerne fittili (46) paleocristiane rinvenute, si hanno elementi sufficienti a fare di Tortona una delle località dell’alta Italia che possono vantare la più grande antica diffusione del cristianesimo. In particolare, per quanto riguarda le iscrizioni, sono ben 70 quelle riunite nel lapidario paleocristiano del Museo. Qui è anche la lapide di Crescentia datata 434 d.C., che rappresenta la più antica testimonianza certa del Cristianesimo a Tortona. Queste epigrafi paleocristiane (V-VIII sec. d.C.), tutte di destinazione funeraria, costituiscono una preziosa documentazione della situazione di Tortona nei “secoli bui” dell’Alto Medioevo e consentono, ad esempio di cogliere visivamente il progressivo imbarbarimento della lingua, nella fase di passaggio dal latino al volgare. Alcuni frammenti di lapidi, scritte in caratteri greci, sono particolarmente interessanti quali rari documenti della presenza a Tortona dei Bizantini nella seconda metà del 500 d.C.. Tutto sommato ben rappresentato nel Museo (con oggetti di fine oreficeria) è il periodo (490-555 d.C.) dell’insediamento dei Goti di Teodorico, che aveva eletto la città a “granaio della Liguria”, come scive Cassiodoro nelle sue “Variae”. Dai primi anni del 600 e fino al 773 d.C., cioè per quasi due secoli, Tertona è soggetta ai Longobardi; il museo documenta anche questa così stabile e prolungata presenza, sebbene solo con poca suppellettile domestica.
Da segnalare sono: – la collezione di ceramica (200 frammenti), graffita, dipinta, monocroma ed invetriata, soprattutto di produzione locale; – l’arca reliquiaria del 1210, appartenuta al convento benedettino di S. Stefano (area di Palazzo Canegallo, in piazza Malaspina), che reca scolpite a bassorilievo sui lati figure dei santi, martiri e vescovi. Sono effigiati Germano, Demetrio, Vittore, Eustachio, Cosma, Giacomo, Filippo, Barnaba, Lorenzo e Biagio. Sono solo ricordati col nome diversi beati: Nabore, Felice, Simone, Giuda, Teodoro, Luca, Arsenio, Cipriano, Afra; – gli esemplari della monetazione prodotta dalla zecca di Tortona (sec. XIII).

Durante i lavori di ristrutturazione del museo sono comparsi, sotto il pavimento, murature romane e depositi di epoche anteriori che si intenderebbero recuperare (progetto Museo nel Museo).

Informazioni:
P.zza Arzano 2 / Via S. Marziano, tel. 0131 863470 / 0131 864273 , temporaneamente chiuso; è in corso la realizzazione del nuovo museo civico archeologico

Links:
http://www.comune.tortona.al.it/Sezione.jsp?titolo=Museo%20archeologico&idSezione=645

http://www.comune.tortona.al.it/Sezione.jsp?titolo=Museo+Archeologico+-+Approfindimento&idSezione=647

Fonti:
Notizie e fotografie tratte dal sito del Comune.

Data compilazione scheda:
16 luglio 2004 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Carlo Vigo – Gruppo Archeologico Torinese

tortona-museo civico2

Tortona (AL) : resti della città romana di “Dertona”

tortona muro

Storia e descrizione del sito:
La città di Dertona costituisce il centro romano piemontese di più antica fondazione ed uno dei principali della IX regione augustea. La data della sua deduzione è tuttavia incerta, probabilmente compresa tra il 123-122 e il 109 a.C., a seguito della costituzione della via Postumia (la più importante arteria dell’Italia settentrionale, in quanto univa Genova ad Aquileia) e forse parallelamente alla realizzazione della via Aemilia Scauri (che collegava la Liguria con l’area cisalpina). Nacque nell’ambito di un vasto programma di conquista e di unificazione dell’Italia nord occidentale e, quindi, come centro strategico volto al controllo delle popolazioni liguri.
Sorse nella piana di Marengo, allo sbocco del torrente Scrivia, sulle ultimi propaggini dell‘Appennino ligure (m. 122,54 s.l.m.), in un sito connotato dalla presenza di uno sperone roccioso che fungeva da naturale difesa da eventuali attacchi. E’ probabile che si sia sovrapposto ad un precedente insediamento della tribù celto-ligure degli Irienses (dall’antico nome, Iria, del corso d’acqua); in effetti, i materiali preromani rinvenuti in pieno centro abitato, in via Purricelli e nei sotterranei del Museo Civico, attestano una presenza nell’area almeno dal IV sec. a.C.
Alle funzioni militari, tuttavia, si affiancò in breve tempo il ruolo di fondamentale nodo viario legato ai principali traffici fra la pianura padana e l’area alpina centro-occidentale, dal quale passavano le strade principali, le già citate vie Postumia ed Emilia Scauri, e partivano molte ramificazioni per varie città piemontesi, quali Acqui Terme, Pollenzo, Asti, Chieri, Industria, Valenza Po.
Attorno alla sua fitta rete stradale venne organizzata anche la centuriazione del territorio, la cui estensione doveva arrivare a ovest verso il Bormida e il Tanaro, a sud verso le pendici dell’Appennino ligure, confinando con i territori di Libarna e Aquae Statiellae, a nord all’incirca fino all’incontro del Tanaro con il Po e a est lungo il corso del Curone.
Le stesse tracce di centuriazione nelle campagne circostanti dimostrano che la sua fiorente economia era basata, oltre che sul controllo dei traffici commerciali, anche sull’agricoltura, in particolare sulla produzione di grano.
Nella seconda metà del I sec. si collocherebbe una seconda fondazione voluta da Ottaviano, di cui sarebbero testimonianza sia l’appellativo “Iulia” presente in alcune iscrizioni sia il fatto che Plinio la ricordi come “colonia”, termine che lo scrittore latino utilizza solo per le colonie di età augustea, epoca alla quale, peraltro, risale l’ampliamento e la monumentalizzazione della città.
Pertanto, in linea generale, gli studiosi ritengono che la sua nascita non sia avvenuta attraverso un unico e ben definito atto di fondazione ma da una sequenza di avvenimenti e di fasi successive.
L’insediamento mantenne la sua importanza nell’ambito dei commerci e delle comunicazioni viarie anche in epoca tardoantica: tra V e VI sec. ebbe un ruolo di rilievo per i rifornimenti civili e militari (Teodorico vi fece costruire grandi “horrea”, depositi di grano), inoltre, vi sorse la principale sede episcopale del Piemonte meridionale.
Un segno di crisi è stato, tuttavia, individuato in una certa contrazione dell’abitato agli inizi del VI, desunta da una fonte letteraria (Cassiodoro), secondo la quale i dertonesi furono indotti a costruire le loro abitazioni entro il perimetro del Castello, che forse costituiva l’unica difesa del centro in quanto le mura repubblicane dovevano essere state abbattute. La continuità di vita del centro attraverso i secoli ha profondamente modificato il volto della città romana e l’organizzazione urbana di epoca romana è ancora piuttosto lacunosa. I primi rinvenimenti archeologici risalgono al XIV sec., quando sotto la chiesa di S. Marziano, distrutta da un incendio, vennero alla luce resti di urne cinerarie e strutture ipogee, mentre nel XVI sec. si ha notizia di importanti scoperte quali il sarcofago di Elio Sabino, con raffinata decorazione a rilievo.

L’insediamento romano era probabilmente distinto in due diverse porzioni topografiche: una parte collinare più antica (l’area del Castello, dove era localizzato il precedente abitato celto-ligure) e una parte bassa pianeggiante (tra il Duomo e Porta Voghera), che costituisce la fondazione ex novo del centro romano.
La prima zona insediativa era presumibilmente destinata ai più importanti edifici della città, legati al potere politico, amministrativo e religioso; la collina era recintata da un possente muro difensivo, databile ad epoca tardo-repubblicana, che, allo stato attuale delle ricerche, rappresenterebbe il più antico esempio noto in Piemonte nonché una probabile testimonianza delle prime fasi di vita della colonia.

Sulla collina del Castello, nell’area archeologica di via alle Fonti ed in prossimità del Convento dei Cappuccini, è ancora visibile la parte orientale della cinta muraria, il cui orientamento risulta coerente con il tracciato della centuriazione del territorio tortonese. Si estende per ca. 100 m con un’altezza massima conservata di 6 m; al di sotto sono state rinvenute strutture preromane databili, anche sulla base del materiale archeologico rinvenuto, tra la seconda metà del VI e la prima metà del V sec. a.C., indicando una precedente fase di frequentazione dell’altura nel corso dell’età del Ferro. La tecnica costruttiva consiste in un nucleo di pietrame irregolare (tecnica “a sacco”), rivestito esternamente da un paramento di blocchi di calcare allineati in filari orizzontali e regolari. La cortina muraria è intervallata da una torre rettangolare conservata per un’altezza di ca. 2 m sul lato interno delle mura.
Inoltre, nel 1999 in via Rinarolo, all’estremità settentrionale dell’altura del Castello è stata riportata alla luce una consistente struttura muraria che si pone su una linea di costa molto più bassa ed esterna rispetto all’abitato di Dertona . E’ lunga ca. 37 m, con uno spessore di 2 m ed un’altezza conservata poco inferiore ai 2 m; la tecnica costruttiva sia per le fondazioni che per l’elevato è la stessa della struttura di via alle Fonti. Si può ipotizzare un ampliamento successivo rispetto alla fortificazione di età tardo repubblicana ma sono presenti contrafforti sul lato esterno della struttura che richiamano opere di terrazzamento documentate nell’Italia centro -meridionale a partire dal III-II sec. a.C.
La seconda zona testimonia, invece, la presenza, in età imperiale, di un’organizzazione planimetrica castrense, fortificata da mura e torri difensive di età imperiale (a partire dalla metà del III sec. d.C.), con due principali porte di accesso identificate nell’area di Largo Borgarelli (Porta Genuensis) e all’incrocio fra via Emilia e le vie Pellizza da Volpedo e Rinarolo (Porta Ticinensis), ancora visibili nella cartografia del XVII sec.
La pianta della città mostra una forma all’incirca quadrata con 600 m di lato, quindi conforme alle misure canoniche dei castra romani, ed un impianto ortogonale impostato sul decumano massimo, corrispondente alla via per Ticinum-Pavia e rintracciabile a tratti nelle attuali via Emilia angolo via Pellizza da Volpedo-via Rinarolo e all’altezza di via Montemerlo, su cui verosimilmente si apriva la porta urbica Ticinensis; ancora oggi l’andamento longitudinale conferito dal tratto urbano della via Aemilia Scauri si riflette sulla viabilità moderna.
Gli assi coincidenti con via Giulia-via Busseti corrispondevano invece al sistema dei cardines, su cui si apriva la Porta Genuensis.
Non vi è ancora ancora certezza sull’esatta ubicazione delle principali aree pubbliche. Alcuni indizi archeologici sembrano indicare una loro presenza nel settore periferico sud-ovest della città; in particolare, sono state identificate con resti delle terme urbane di età augustea le pavimentazioni in marmo bianco percorse da canalizzazioni in piombo ritrovate fuori della Porta Leone nel XVII sec.
Tale ipotesi sembra confermata dal ritrovamento di parti di condutture idrauliche e frammenti di trabeazione pertinenti ad un edificio di rilievo presso l’odierno Palazzo Frascardi, tra corso Montebello e via Carducci, nell’area che doveva segnare l’inizio della zona urbana.
Peraltro, fra le più importanti scoperte avvenute nell’area urbana vanno menzionati i resti di un’imponente costruzione a pianta rettangolare (m 8,90 x 8,70), con pavimentazione in arenaria e fondazione profonda ca. 4 m, rinvenuti all’interno della canonica di S. Matteo (sita in via Emilia, nei pressi di via Pellizza da Volpedo), noti come parte del cosiddetto “Mausoleo dell’imperatore Maioriano”, imperatore ucciso, secondo la tradizione, proprio a Dertona da Ricimero nel 461. E’ però probabile che siano pertinenti ad un edificio a carattere pubblico-sacro o celebrativo della tarda età repubblicana o del periodo augusteo. Inoltre, il complesso era parallelo alla via Emilia, su cui si affacciava occupando un isolato di ca. 90 m di lato e sembra sorgesse in prossimità di un’area a destinazione pubblica, forse il foro, di cui è stata rinvenuta la pavimentazione in basolato.
Le tracce del sistema idrico testimoniano anche la presenza di un acquedotto che riforniva l’abitato. Il tracciato dell’impianto, che probabilmente era alimentato direttamente dallo Scrivia, non è completamente noto ma si ritiene fosse in buona parte parallelo alla via Postumia e si snodasse attraverso lunghi tratti a cunicolo in muratura con copertura in parte a botte e in parte a tavelloni. Tuttavia, il rinvenimento di tratti di conduttura e di selciato stradale sia oltre Porta Voghera-piazza Roma sia a ovest, all’altezza di via Giordano Bruno, ha consentito di definire il presumibile percorso dell’acquedotto almeno per il suo tratto urbano principale come anche quello del Decumano Massimo; in effetti, l’impianto ortogonale nel suo complesso è stato in parte ricostruito sulla base della rete idrica e fognaria. Quanto alla parte residenziale, sono venute alla luce strutture abitative anche di un certo livello in varie zone della città, tra cui un intero quartiere alle pendici del castello in via Massa Saluzzo e via Perosi, resti di un edificio signorile in piazza delle Erbe, una ricca abitazione e un impianto per la fusione del bronzo del I secolo d.C., poi sostituito nel secolo successivo da abitazioni, in via Visconti. A testimonianza della prassi in uso nel mondo romano, i recuperi archeologici dei reperti funerari sono avvenuti nelle aree extraurbane, come in corso Repubblica o lungo il tracciato della via Postumia. Alcuni notevoli monumenti funerari, sicuramente da collegare ad una committenza di rango elevato, sono stati individuati nell’ambito di un sepolcreto emerso negli anni ottanta del ‘900 in Località Fitteria, tra le via Emilia, Arzani e Fratelli Pepe. Di particolare interesse due strutture del tipo “a podio”, che rimandano a tipologie attestate in altre città dell’Italia centro-settentrionale (quali Aquileia e Bologna), la cui monumentalità Si tratta di due basamenti quadrati di ca. 10 m di lato, uno dei quali tagliato da una cella circolare al centro, mentre l’altro presenta una complessa struttura con spazi poligonali intorno a un vano romboidale. Al secondo con buona probabilità apparteneva un coronamento a cuspide in pietra ritrovato nello scavo dell’area circostante.
PONTE ROMANO sulla Via Emilia. Databile tra la fine del I secolo a.C. e la seconda metà del I d. C., venne scoperto ngli anni ‘8o dello scorso secolo e fu raggiunta la base d’imposta sull’antico fondo ghiaioso. Ricavate contro il terreno, le spalle evidenziano il nucleo di calcestruzzo e tracce del rivestimento in blocchetti squadrati di calcare.

Informazioni:
Comune tel. 0131 8641 oppure IAT tel./fax 0131 868940 e-mail: iat@comune.tortona.al.it

 

Link:
http://www.comune.tortona.al.it/Sezione.jsp?titolo=Tortona+ligure+e+romana&idSezione=110&lookfor=dertona

Fonti:
Fotografie dal sito del Comune

Data compilazione scheda:
29 giugno 2012 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Marina Luongo – Gruppo Archeologico Torinese

tortona ponte_romano

tortona-mausoleo

Tortona (AL) : edifici e reperti medievali

tortona-casa_del_pozzo

Storia e descrizione dei siti:
Tortona fu anche nel Medioevo una città importante, vedi il sito del Comune per la storia.
Gli edifici medievali che hanno subito pochi rimaneggiamenti:
CASA DEL POZZO Esempio di edilizia del XV secolo; dal 1670 alla metà del XIX secolo è documentata la sua appartenenza alla Sacrestia del Duomo; è infatti nota anche come casa del capitolo. Nel 1930 circa venne acquistata dalla Società Storica Tortonese e donata al Comune.

PALAZZETTO MEDIEVALE Esempio di architettura tre-quattrocentesca, l’edificio è scampato più volte alla demolizione in tempi recenti. Nei pressi sorgeva l’antica Porta di S. Quirino e la medievale piazza del borgo vecchio, detta anche piazza dei granoni. E’ stato restaurato tra il 1982 e il 1987 dalla Cassa di Risparmio di Tortona che lo possiede dal 1933.

CHIOSTRO DELL’ANNUNZIATA Lato superstite del chiostro del convento delle suore agostiniane dell’Annunziata. Dopo la soppressione degli istituti religiosi, nel 1802, l’area fu ceduta dal governo francese alla municipalità di Tortona che, durante la prima metà del XIX secolo, vi fece edificare le Regie Scuole e il Teatro Civico. Un affresco raffigurante una teoria di santi, riferibile alla costruzione originaria, è stato staccato nel 1998 e trasferito nelle Civiche Raccolte Artistiche.

CHIESA DI SANTA MARIA CANALE (Sec. XI – XII) E’ documentata dal 1151, anche se l’edificio attuale risale al XI-XII secolo con l’aggiunta, nella seconda metà del XVI secolo, dell’abside rettangolare e delle cappelle laterali. È la chiesa più antica che si conserva in Tortona; ha subito molti rimaneggiamenti e insieme ai caratteri romanici originali presenta anche elementi gotici frutto delle trasformazioni operate nei secoli XIII e XIV. La facciata a capanna è frutto del restauro condotto nel 1853. L’interno ha struttura a tre navate divisi da pilastri compositi che reggono archi a tutto sesto e volte a crociera, alcuni capitelli sono databili al 1040 circa. Sotto il primo arco a destra della navata centrale, tracce di affreschi del XV secolo. Le decorazioni della chiesa sono del XX secolo. Tra i dipinti sono presenti una Natività di scuola leonardesca (XVI sec.), opere del Fiamminghino (XVII sec.), del Brandimarte della Torre (XVI sec.), del Vermiglio (XVII sec.).

CHIESA DI SAN MATTEO L’edificio è stato rifatto alla fine del Seicento. All’interno, di grande rilievo, la Madonna col Bambino, su fondo oro, di Barnaba da Modena (circa 1375); sotto la tavola un pregevole crocifisso ligneo della seconda metà del Trecento.

Sarà posto nel Museo Diocesano, già nella cappella del Palazzo Vescovile, la tavola del TRITICO, proveniente dall’abbazia di Lucedio, che raffigura la Madonna con Gesù Bambino in trono, quattro angeli, san Giovanni Battista, san Bernardo di Chiaravalle e Annibale Paleologo, committente dell’opera, del 1499, opera di Macrino d’Alba.

CASTELLO situato sul colle Vittorio a est della città, si può considerare il vero protagonista dei 25 secoli di storia tortonese. Il colle ha visto il primitivo castelliere ligure trasformarsi prima in rocca romana, poi in un castello medioevale, ripetutamente assediato e più volte distrutto, ma sempre ricostruito e via via variamente rafforzato fino a divenire, nel 1773, per opera dell’ingegnere militare Bernardino Pinto, su incarico di Vittorio Amedeo III, una superba fortezza. Quello che ne rimane, dopo la distruzione voluta da Napoleone nel 1801, sono alcuni resti della cinta muraria e la torre campanaria della chiesa del forte, assurta a simbolo della città.

Informazioni:
Gli edifici sorgono nel centro storico. Comune tel. 0131 8641

Link:
http://www.comune.tortona.al.it/Sezione.jsp?titolo=Chiese%20e%20monumenti&idSezione=101

Fonti:
Notizie e fotografie tratte dal sito del Comune.

Data compilazione scheda:
30 Novembre 2011 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – G.A.Torinese

tortona chiostro

tortonapalazzetto

tortona castello

tortona-santa_maria_canale

Tortona-chiesa_santa_maria_canale-navata

Tortona_trittico_Macrino

 

Strevi (AL) : Resti medievali

strevi bastioni copia

Storia del sito:
É probabile che il primo agglomerato urbano di Strevi risalga all’epoca romana e tragga il nome da “Septem¬viri” (un importante collegio sacerdotale romano); era situato nella zona pianeggiante della Levata e, successivamente, nel “Borgo Inferiore”, che sorge in prossimità della via “Emilia Scauri”, la strada che nel I secolo a.C. congiungeva Vado Ligure a Tortona.
La prima citazione ufficiale di Strevi come “Septevro” si trova sulla Charta di fondazione dell’Abbazia di S. Quintino di Spigno Monferrato e risale al 991. Nel periodo delle lotte tra le Diocesi di Alessandria e di Acqui, Strevi godette di una certa autonomia, reggendosi con governo consolare, si trasformò in vero e proprio Comune intorno al 1259, epoca in cui venne anche edificata una struttura fortificata denominata “castrum”.
Nel 1334 passò sotto la dominazione dei Paleologhi, marchesi di Monferrato, che poi cedettero il feudo ai Della Rocchetta. Nel 1446 passò ai Valperga; nel 1594 ai Serra di Genova e poi ai Savoia.
Nel 1799, Strevi fu uno dei principali centri della resistenza agli invasori d’Oltralpe: gli strevesi conquistarono temporaneamente Acqui e presero in ostaggio il Vescovo, procedendo alla volta di Alessandria per cacciarne i Francesi; la ribellione fu però soffocata nel sangue. In quel periodo andò bruciata gran parte del materiale dell’ archivio storico.

Descrizione dei siti:
Le fortificazioni oggi visibili risalgono al XV secolo; all’epoca la comunità strevese viveva prevalentemente all’interno delle mura ed era governata dal Castellano e da tre Consiglieri.
Il CASTELLO, molto rimaneggiato nel corso dei secoli e ora sede municipale, mostra tracce dell’epoca medioevale soprattutto nelle cantine, recentemente restaurate ed adibite a museo-enoteca, e nella base di una torre quadrangolare risalente al Seicento. Nell’elegante Sala del Consiglio è conservato un monumentale camino in pietra fatto installare dai Conti Valperga e recante il loro stemma. In origine il Castello aveva quattro torri angolari di cui rimangono i resti sul lato nord.

LE MURA del Borgo Superiore. Della cinta muraria del XV secolo si conservano due torri, l’ingresso con archivolto è del XVII secolo. Anticamente sul lato nord del borgo si apriva, tra il muraglione del castello e la chiesa parrocchiale, la porta che immetteva al Borgo Inferiore.

In ottimo stato di conservazione è il PONTE tardomedievale che attraversava il fossato difensivo a sud.

La CHIESA PARROCCHIALE DI SAN MICHELE ARCANGELO fu riedificata nei secoli XVII e XVIII sull’antica chiesa del XV secolo, di cui rimane traccia nella base del campanile e nel frontespizio di un tabernacolo posto in sacrestia. L’abside ha le fondamenta su un torrione difensivo preesistente, che in origine era collegato ad una altro similare posto a sud-est. La facciata della chiesa è in stile rococò-neoclassico e l’interno è decorato da affreschi di metà Ottocento.

Informazioni:
Gli edifici si trovano nel Borgo Superiore”. Chiesa Parrocchiale e Castello sono in Piazza Matteotti. Comune, tel.0144 363124


Link:

http://www.comune.strevi.al.it

Fonti:
Foto in alto da http://www.mondimedievali.net/castelli/piemonte/alessandria/strev01.jpg
Foto del ponte da http://www.2cvclubitalia.com/

Data compilazione scheda:
29/12/2008 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – G.A.Torinese

normal_DSC_0048_01

Spigno Monferrato (AL) : Abbazia di San Quintino e altri edifici medievali

spignoSanQuintino_03

Storia del sito:
ABBAZIA DI SAN QUINTINO
Il monastero di San Quintino di Spigno viene fondato il 4 maggio 991 da Anselmo, figlio del marchese Aleramo, e dalla moglie, la contessa Gisla, con un atto stipulato presso il castello di Visone. La distruzione dell’abbazia del Salvatore a Giusvalla (SV) da parte dei Saraceni, spinse gli aleramici a riedificarla nella più favorevole posizione di Spigno Monferrato, sotto il titolo di San Quintino, con lo scopo preciso di contrastare le scorrerie e di offrire un rifugio ai pellegrini sulla via Savona-Acqui. E infatti la nuova fondazione fu dotata di tutti i beni già appartenuti a San Salvatore, più numerosi altri nelle diocesi di Savona, Alba, Acqui, Alessandria e Torino. Protetta per lungo tempo dalla famiglia Del Carretto, allora favorevolmente accreditata presso l’impero germanico (Enrico I del Carretto fu plenipotenziario dell’imperatore Federico Barbarossa e firmò per lui la pace di Costanza nel 1183), l’abbazia di San Quintino ebbe piena autonomia negli affari temporali relativi alla amministrazione del patrimonio, pur se con una certa discontinuità, per oltre cinque secoli, aumentando i domini terrieri ed il potere esercitato sull’intera Valle Bormida orientale. Nel 1500 una bolla del papa Alessandro VI la destinò definitivamente alla mensa vescovile di Savona, allora retta dal cardinale Giuliano della Rovere, in seguito all’abbandono da parte dei monaci benedettini avvenuto qualche anno prima. Essa restò di proprietà episcopale ininterrottamente sino alle campagne napoleoniche in Italia del 1796, durante le quali venne in gran parte distrutta, i beni incamerati e dispersi attraverso vendite e la chiesa ridotta agli usi liturgici solo per un minimo spazio. Con il Congresso di Vienna (1815) i resti del cenobio vennero formalmente restituiti al legittimo proprietario pre-napoleonico finché, a metà del XIX secolo, il Parlamento Subalpino ne decretò l’acquisizione al demanio e la vendita all’asta: la modesta struttura restante passò quindi a privati che convertirono definitivamente l’edificio della chiesa che ora risulta inglobata nelle strutture di una casa colonica.

Descrizione del sito:
ABBAZIA DI SAN QUINTINO Del vasto complesso abbaziale resta solamente l’impianto esterno della chiesa, internamente divisa in due piani ed adattata ad abitazione, ma esternamente caratterizzata da una impronta romanico-borgognona. La facciata a capanna con due spioventi e piccola vela campanaria al colmo del timpano, con il portale murato, conserva due monofore e un campaniletto a vela sulla sommità; risulta scandita da una rigida ripartizione della superficie che conferisce continuità con i fianchi e richiama l’austerità di certe strutture bizantine o preromaniche. La distribuzione delle lesene denuncia una chiara corrispondenza strutturale con l’organizzazione interna dello spazio ed è quindi possibile supporre un interno originariamente a tre navate con volte a crociera. Nel sottotetto, in corrispondenza della parete d’ingresso, si trovano tracce, in pessime condizioni, di un affresco ottoniano rappresentante il Giudizio universale, mentre sul lato interno della parete destra sono visibili due figure frammentarie, pitture databili al secolo XI, opera di un artista di grande qualità, forse milanese. Nell’edificio vi è ancora la cripta e lapidi romane e rinascimentali.

Il PONTE DI SAN ROCCO (sec. XII -XV) Praticamente intatto nelle forme originali, il ponte a schiena d’asino che scavalca il Bormida e collegava l’abbazia all’antica “Via Æmilia Scauri” è interamente in pietra arenaria, sormontato al colmo da due cappelline utilizzate per la riscossione dei pedaggi.

Il CASTELLO, che fu dei Del Carretto, fu distrutto dagli spagnoli nel XVII secolo e ne rimangono solo le rovine.

CHIESA DELLA MADONNA DEL CASATO
Situata lungo la strada per Merana, conserva all’interno importanti affreschi tardogotici del Maestro di Roccaverano (1480 circa). Si tratta di uno dei più completi esempi di pittura gotico-provenzale dell’alessandrino.

Informazioni:
Ciò che resta dell’abbazia è di proprietà privata, non visitabile.  Comune, tel. 0144 91155

Links:
http://www.spignomonferrato.com/Spigno/SanQuintino.html

http://www.ilmonferrato.info/ov/spignm/spignm1.htm

Bibliografia:
ROMANO G. (a cura di), Piemonte romanico, CRT, Torino 1994
NANO F., Spigno Monferrato: vicende storiche, Grifl, Cairo M. 2005

Fonti:
Notizie e fotografie tratte dai siti sopra indicati.

Data compilazione scheda:
27 novembre 2011 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – G.A.Torinese

spigno-SanRocco_02

SpignoCastello_01

Sezzadio (AL) : Abbazia di Santa Giustina

sezzadio-abbazia santa giustina

Storia del sito:
Una leggenda riporta la narrazione della fondazione della primitiva chiesa di Santa Giustina in epoca longobarda e più precisamente la attribuisce al re Liutprando nel 722. Nei primi decenni dell’XI secolo il marchese aleramico Oberto ricostruì quasi completamente l’edificio sacro e diede vita ad una fondazione monastica affidata ai benedettini. La testimonianza di questo intervento edilizio ricostruttivo è contenuta non in un documento, ma nel pavimento a mosaico all’interno della cripta. “Otbertus marchio huius domus domini reparator et ornator” è scritto sul pavimento in tessere nere su fondo bianco. Affermazione riduttiva in quanto il marchese ricostruì sostanzialmente l’edificio dalle fondamenta.
Otberto morì nel 1047 e venne sepolto nella chiesa, che quindi venne eretta sicuramente prima di quella data. Dotata di molti beni dagli aleramici raggiunse il suo massimo splendore tra il XII e il XIII secolo. Nel XIV iniziò un lento declino. Nel 1434 l’abate Antonio Lanzavecchia chiedeva ed otteneva dalla S. Sede di affidare l’abbazia alla congregazione benedettina di S. Girolamo della Corvara.
Esperienza di breve durata, terminò infatti nel 1460, ma che fu causa di deturpanti interventi che alterarono gli originari caratteri altomedievali ottoniani dell’abbazia. L’ultimo abate regolare morì nel 1478 e da quell’anno fu affidata in commenda. Un secolo più tardi morì l’ultimo abate commendatario e passò agli abati di Sant’Ambrogio di Milano, che vi installarono una comunità di oblati.
Nel 1810 un decreto napoleonico pose fine alla fondazione monastica che, con le sue terre, venne ceduta gratuitamente ai veterani napoleonici.
In meno di cinque anni, fino alla restaurazione dei Savoia, che abolirono il provvedimento, gli edifici dell’abbazia subirono colpi durissimi. La chiesa fu tramezzata a metà della sua altezza e trasformata in stalla e granaio.
Nel 1863 fu acquistata dal senatore Angelo Frascara in un’asta dell’Economato Regio e i suoi discendenti si impegnarono in una vasta opera di restauro, con l’abbattimento di tutte le divisioni e le tramezzature interne.

Descrizione del sito:
Dell’originario complesso è rimasta la chiesa severa e semplice che conserva le linee romaniche del secolo XI, con il massiccio paramento in cotto dalle poche interruzioni in conci di pietra; pochissime le aperture sui lati, che sono tuttavia alleggerite come la facciata da una serie continua di archi binati, posti a coronamento delle pareti, i quali poggiano su lunghe lesene sottili che scendono fino a terra. Il marcato verticalismo riesce così a mitigare la notevole massa dell’edificio.
La facciata tripartita, originariamente a salienti, presenta nella zona centrale una torre, aggiunta nel primo trentennio del XV secolo, che occupa lo spazio corrispondente alla prima campata interna della navata centrale. Semplicissimo il portale, senza alcun ornamento in pietre e marmi. La pianta della chiesa è più a croce commissa, cioè nella forma di una T, che non a croce latina. Il transetto infatti sporge parecchio e direttamente sul suo lato orientale si innestano le tre absidi, che appaiono quasi come torri che emergono, cilindriche, dalla superficie piana della parete di fondo.
Anche la superficie delle absidi è caratterizzata dagli archetti ciechi e binati su lunghe lesene. L’abside centrale, sopra la serie degli archetti, è terminata da un doppio fregio in mattoni a dente di sega, mentre un fregio più semplice corre lungo gli absidi minori.
Nel XV secolo l’originaria copertura a capriate fu sostituita in parte da volte gotiche, provocando il rifacimento del coronamento della parete settentrionale che, in luogo di una cornice di mattoni a frangia, presenta tre grossi contrafforti quadrati, coronati da pinnacoli gotici in corrispondenza degli archi trasversali interni.
L’interno porta i segni della travagliata storia dell’abbazia. Sono infatti visibili le tracce delle tramezzature e più in generale la volumetria interna appare molto diversa da quella che doveva essere in origine.
PiantaLa chiesa è divisa in tre navate, le prime due campate conservano la copertura a capriate, le tre successive presentano volte a crociera con grossi costoloni gotici, impostati su semicolonne che si aggiungono ai preesistenti pilastri rettangolari. La differenza si spiega con il fatto che quando si eressero le volte si accorciò la chiesa, divenuta troppo grande per le esigenze di una comunità in declino numerico, isolando le prime due campate con un muro che attraversava tutta la lunghezza dell’edificio.
Il presbiterio dell’abside centrale risulta notevolmente rialzato e ad esso si accede mediante una scalinata dalla navata maggiore. Sulla volta dell’abside centrale affreschi del primo Quattrocento frammentari (Passione, Giudizio Universale, Cristo in mandorla).
Sui bracci del transetto nel corso di restauri furono demolite volte ottocentesche e ciò consentì il ritrovamento nel braccio settentrionale di una cornice di affreschi molto deteriorati subito sotto l’imposta delle capriate; è quanto rimane di una decorazione che si presume molto più vasta.
Compresa fra due fasce di greca prospettica, si snoda una serie di medaglioni contenenti alternativamente busti di santi e corone, separati da una serie di archi che poggiano su mensole, secondo un motivo iconografico paleocristiano.
La decorazione è eseguita con molta cura e con una non comune ricerca di pastosità e rilievo nella stesura dei colori bianchi, rossi e bruni.
Sotto al presbiterio si stende la cripta, alla quale si accede mediante una scala che dà sul braccio meridionale del transetto. Si tratta di un ambiente quadrangolare di sette metri per lato absidato, coperto da una serie di voltine a crociera che poggiano su sei colonnine – una poligonale, le altre cilindriche – senza base e con capitelli smussati semplicissimi e su semicolonne addossate alle pareti. Queste sono di particolare interesse perché si presentano scandite da una serie di archi ciechi su lesene che non giungono fino a terra, ma si impostano su un alto zoccolo. Il motivo ripete quello visto in uno degli ambienti della cripta della Sacra di san Michele.
Due monofore strombate si aprono nella curva absidale, mentre altre due si aprono sul lato opposto e danno sulla navata centrale ai lati della scala che sale al presbiterio. Il tipo di muratura della cripta, caratterizzato dall’impiego del cotto disposto a spinapesce, alternato a pietrame irregolare, sottolinea l’arcaicità di questa parte rispetto al corpo della chiesa, forse una parte della chiesa anteriore al Mille ricostruita da Otberto.

Il pavimento della cripta ospita un vasto mosaico, che si stende su quasi tutta l’area del locale, fatta eccezione per la zona absidale; al mosaico appartiene la scritta che indica in Otberto il “reparator et ornator” dell’antico edificio. Non vi sono raffigurazioni di figure antropomorfe o zoomorfe, ma solo disegni geometrici a tessere bianche e nere (primi decenni del XII secolo).

Informazioni:
Complesso di Villa Badia, tel.  0131 70.36.59 ; email: info@villabadia.com oppure  Comune tel. 0131 703 759

Links:
http://www.comune.sezzadio.al.gov.it/da_visitare

http://www.villabadia.com/Italia/Abbazia.asp

Bibliografia:
SCOLARI C.A., La chiesa abbaziale di S. Giustina di Sezzadio, Alessandria, 1983; AA.VV., Italia Romanica. La Val d’Aosta, la Liguria, il Piemonte, Milano, 1978; ROMANO G. (a cura di), Piemonte romanico, Torino, 1994

Fonti:
Immagini dai siti sopra indicati e dall’archivio GAT.

Data compilazione scheda:
30/11/2004 – aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Mauro Marnetto – G. A. Torinese

sezzadio-abbazia santa giustina2

Mosaico

Cripta