Viverone (BI) : Cella di San Michele e Chiesa di Santa Maria della Cura

-Viverone_Cella_San_MicheleWIKI

Storia e descrizione dei siti:
CELLA DI SAN MICHELE
La chiesa, nota dall’inizio del XVI secolo come “Cella di San Marco”, in origine era dedicata a San Michele. Dipendeva dal monastero di San Genuario, come appare dalla bolla di Papa Eugenio III nel 1151, in un documento del 1159 dell’imperatore Federico I Barbarossa e nella bolla di Papa Eugenio IV del 27 settembre 1438. Ai suoi monaci spettava il diritto di pesca nel lago. Divenuta nel secolo XIV commenda, fu poi lasciata dai benedettini.
Dell’originaria struttura romanica oggi restano l’esterno del lato nord, dell’abside semicircolare e il campanile. Quest’ultimo è costruito in pietra, a pianta quadrata con quattro piani alleggeriti da monofore e bifore sostenute da esili colonnine. L’interno della chiesa fu invece completamente rifatto con gusto barocco e la volta fu rialzata, all’inizio del XX secolo.

CHIESA DI SANTA MARIA DELLA CURA
La chiesa di Santa Maria, detta anche la «Cura vecchia», servì da parrocchia per i due paesi fino al 1789, anno in cui Roppolo Piano divenne parrocchia autonoma, così la chiesa, ora isolata nella campagna, rimase scomoda per i fedeli di Viverone che decisero di erigere la nuova parrocchiale di San Nicola.
La chiesa di Santa Maria è una costruzione in stile gotico risalente al XIV-XV secolo, è ad un’unica navata con ampie ogive, all’esterno era sorretta da potenti contrafforti; un monumento assai singolare per il Biellese. Nel corso dei secoli, in particolare nel XVIII, subì numerose aggiunte e manomissioni che deturparono la bellezza della sua linea: le finestre, che erano tonde, divennero quadre; la chiesa fu allungata di un’arcata e fu costruita la facciata barocca che si vede oggi. La volta è ancora a capriata come in antico.

Informazioni:
La chiesa di San Michele si trova in località Cella ed è di proprietà privata, inglobata negli edifici dell’azienda vitivinicola Cella (info tel. 0161 98245).

La chiesa di Santa Maria della Cura sorge presso il Cimitero, a metà strada tra Viverone e Roppolo Piano.  Comune tel. 0161 987021

Links:
http://www.cellagrande.it/storia.php?lingua=ita

http://web.tiscali.it/jovishome/schedine/viverone.htm

Bibliografia:
LEBOLE D., Storia della Chiesa biellese, Le pievi di Vittimulo e Puliaco, I, Biella 1979, p. 140
DE BERNARDI FERRERO D., L’architettura romanica nella diocesi di Biella, Torino 1959, pp. 142-146, figg. 73-7

Fonti:
Per la storia della Cella di San Michele vedi sito indicato sopra al n° 1.
Fotografia campanile Cella S. Michele da Wikimedia commons.

Data compilazione scheda:
18/10/2006 – aggiornam. giugno 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – Gruppo Archeologico Torinese