Exilles (TO) : Cappella di San Rocco.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Storia del sito:
La Cappella dedicata a San Rocco fu edificata nel 1660 ma i materiali utilizzati sono tutti di reimpiego e provengono da un edificio più antico di chiara epoca paleocristiana.

Descrizione del sito:
La chiesetta ha inglobate nella muratura esterna molte sculture che si possono osservare girando attorno ad essa. Nella parte frontale si può notare un susseguirsi di archetti pensili che sono presenti anche sugli altri lati dell’edificio. Sul portone d’ingresso è ben visibile una fascia decorata con tre croci, due più piccole ed una più grande, che ricorda il Golgota: da ciò si può evincere che la croce più grande è quella di Gesù e che quelle più piccole si riferiscono a quelle dei due ladroni. Sotto alla lastra è inoltre visibile una figurina antropomorfa.
Scendendo con lo sguardo possiamo ammirare un’altra pietra scolpita che ritrae tre personaggi, (uno con l’aureola, forse Gesù). Appena sopra è visibile un pane (chiaro richiamo all’Eucarestia).
Sulla destra della facciata si nota una figura d’animale, probabilmente un agnello, sormontato da una lancia che a sua volta è sovrastata da due raffigurazioni che lasciano molto all’immaginazione. In basso, a destra nel muro, vi è un foro, forse un’apertura per poter accedere all’acqua Santa e farsi il segno di croce: il foro è contornato da cinque cerchi o segni circolari (poco leggibili) e in basso a sinistra è scolpito un pesce.
Sul lato destro della cappella si può osservare una finestra ad arco decorata con il giglio francese, un angelo e due pesci (che rafforzano la chiara simbologia cristiana). Sul lato sinistro è ben visibile il bassorilievo di un chiodo e nella parte centrale della parete fa bella mostra di sé un’altra finestra sovrastata da un arco di pietra con decorazioni floreali. Sui lati della finestra vi sono altri due blocchi rettangolari che hanno anch’essi delle decorazioni: il sinistro non è molto leggibile (segni floreali?), il destro raffigura una crocifissione, vista al contrario, con ai lati due chiavi, forse la crocifissione di San Pietro, a testa in giù. Questa raffigurazione è sormontata da una daga. Sul lato sinistro della parete, sono ben visibili quattro pesci. Il retro della chiesa pare essere spoglio da qual si voglia manufatto.

Informazioni:
Entrando all’inizio dell’abitato, a sinistra.   Parrocchia tel. 0122 58312

Fonti:
Fotografie GAT.

Data compilazione scheda:
5 Marzo 2004 – aggiornamento giugno 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Valter Bonello e Mauro Marnetto – Gruppo Archeologico Torinese

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA