Bardonecchia – Melezet (TO) : Cappella di San Sisto

Bardonecchia-sisto-vallesusatesori

Storia del sito:
La cappella fu costruita in frazione Melezet nel XV secolo, ma dedicata a San Sisto nel 1551. Presenta affreschi della fine del 1400, sia esternamente che internamente: mentre i dipinti in facciata sono ormai quasi illeggibili, l’interno conserva il ciclo delle Storie di san Sisto, iconografia rara per le valli occitane alpine.

Descrizione del sito:

Sulla facciata è dipinto il Giudizio Universale, che risale agli anni 80-90 del 1400, ma ormai molto deperito: dall’alto in basso sono raffigurati Dio, Cristo, la Madonna, Giovanni Battista, gli Apostoli in due scanni lignei, sant’Orsola che apre la fila delle quattordici vergini, i Martiri in preghiera, san Pietro che detiene le chiavi della “Gerusalemme Celeste”, gli angeli del Giudizio con le trombe, la resurrezione dei morti e, nella parte inferiore, i dannati che subiscono pene infernali.
Scendendo alcuni scalini si entra nella chiesetta, dove sulla parete sinistra è dipinta una Crocifissione del 1546; una cancellata lignea separa l’altare di muratura intonacata dal resto dell’edificio.
Gli affreschi del XV secolo appartengono a diverse campagne decorative: i tre riquadri della parete destra sono del 1475, mentre le storie di san Sisto, in 12 riquadri, risalgono agli anni tra l’80 e il ‘90 del Quattrocento. I due frescanti mostrano stile e gusto assai lontani. Gli affreschi sulla parete destra sono opera di un artista colto e raffinato che realizza i tre riquadri che rappresentano Annunciazione, Martirio di san Sebastiano e san Cristoforo. Il tono più solenne, i movimenti composti, i colori intensi e solari ricordano il linguaggio fiammingo e la pittura gotica di influenza jaqueriana.
Sulla parete di fondo la storia di papa Sisto e del suo diacono Lorenzo, invece, sono vivaci e straordinarie per l’espressività dei volti e le fattezze rustiche delle figure che richiamano il Mazzucco: l’apice della drammaticità è raggiunta nella scena del martirio e nel riquadro in cui il carnefice infierisce sul corpo ormai esanime del Santo.
Anticamente la chiesetta conservava sull’altare un candelabro e due statue lignee – una di san Sisto ed una di san Lorenzo, poi sostituita con la Vergine – rimosse e portate nel Museo di Melezet fatto allestire da don Masset.

Informazioni:
Centro Culturale Diocesano tel. 0122 622640; Pro Loco Bardonecchia tel. 0122 99032

Links:
http://www.comune.bardonecchia.to.it

http://www.vallesusa-tesori.it/it/luoghi/bardonecchia/cappella-di-san-sisto-di-melezet

http://www.cittaecattedrali.it/it/bces/19

Fonti:
Scheda redatta da materiale del Centro Culturale Diocesano di Susa.
Fotografie da www.vallesusa-tesori.it e da http://www.cittaecattedrali.it

Data compilazione scheda:
3 Maggio 2006 – aggiornam. luglio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – G.A.Torinese

sisto_04vallesusatesori

Bardonecchia_Sisto_aff

Melezet-Bardonecchia-S-Sist