Castelletto Cervo (BI) : Castello e Priorato dei Santi Pietro e Paolo

Castellettocervo_castello

Storia del sito:
Castelletto (la specificazione Cervo è del secolo scorso), anticamente denominato Clivolo perché situato su un poggio, era un passaggio obbligato della medievale “Via Lexonasca” (che congiungeva Buronzo con Lessona, su cui transitavano soprattutto calce, vino e lana) e guado del torrente Cervo. Abitato sin dalla preistoria, sede di due necropoli romane.
Il CASTELLO, citato nel 1070, venne variamente rimaneggiato soprattutto nel XVII secolo, trasformandolo in una dimora signorile a forma di “L”. Delle strutture difensive antiche è rimasta solo una torretta cilindrica di avvistamento nello spigolo a sud-est. Dopo un lungo periodo di abbandono il castello, con una nuova proprietà, è stato fatto oggetto di un radicale intervento di recupero e ricostruzione. Ora adibito a uso turistico.

Storia e descrizione del sito:
PRIORATO CLUNIACENSE DEI SANTI PIETRO E PAOLO. Nell’VIII-IX secolo esisteva una chiesa che fu priorato nel X secolo; nel 968-978 i monaci di Castelletto si posero sotto la signoria pontificia aderendo al movimento cluniacense. Un documento dell’abbazia di Cluny parla di un “ Carrelle castri ad quos monachis S Petri Cluniensis” che farebbe ipotizzare che il monastero di San Pietro alla Garella fosse una struttura fortificata.
L’edificio venne costruito utilizzando molti materiali di recupero, lapidi romane, capitelli, pietre tombali (una colonnina ed una lapide paleocristiana con due pellicani sono state rubate nel 1989). La primitiva chiesa romanica, forse sul finire del XVI secolo, quando la chiesa divenne parrocchiale, venne radicalmente trasformata con l’abbassamento delle volte delle navate laterali, la costruzione di una nuova sacrestia, il rifacimento dell’abside. Nel XIX secolo venne costruita la casa parrocchiale con la demolizione del chiostro, di cui rimane solo il bellissimo portale di passaggio tra chiostro e chiesa.
L’attuale facciata è un avancorpo costruito tra il XIV-XV secolo per realizzare un nartece.
Nella sacrestia vecchia un affresco del XIV secolo raffigurante la leggenda di san Giacomo di Compostela e a destra la Trinità in forma di tre figure umane uguali, secondo un’antica iconografia poi condannata dal Concilio di Trento.
Le strutture di fondazione e alcuni piani pavimentali del chostro , che si trovava avanti l’attuale casa parrocchiale, sono stati scavati tra il 2009 ed il 2012 dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”: quattro gallerie verosimilmente porticate chiudevano sui lati uno spazio aperto, probabilmente destinato in origine a giardino, e definivano un quadrilatero a sud della chiesa monastica – attuale parrocchiale – e ad ovest della manica claustrale, oggi ancora esistente seppure trasformata in casa parrocchiale. Alcune sepolture medievali sono emerse dalle gallerie nord ed ovest, dato che aiuta – nel generale silenzio delle fonti scritte – a ricostruire l’immagine del chiostro, evidentemente destinato a luogo di inumazione, verosimilmente per individui anche con una posizione sociale eminente (tra cui benefattori laici, come denuncia il ritrovamento di uno sperone da cavaliere in una delle tombe.

Informazioni:
Il castello, di proprietà privata, si trova in regione Rivetto. Il complesso degli edifici del Priorato si trova in regione Garella. Comune di Castelletto Cervo tel. 0161 859116.

Links:
http://www.comune.castellettocervo.bi.it/ComSchedaTem.asp?Id=1062#container1

http://www.monasterodicastelletto.it/

Bibliografia:
RABAGLIO R., Castelli del Biellese, Ed. Leone Griffa, Pollone BI, 2003

Fonti:
Foto in alto dal sito: http://www.mtbsentieribiellesi.it/salvaguai/Castello_Castelletto_C.jpg. Foto in basso da Rabaglio (2003). Altre fotografie si possono trovare nei siti sopra indicati.

Data compilazione scheda:
03/08/2006 -aggiornamento febbraio 2014

Nome del rilevatore e associazione di appartenenza:
Angela Crosta – Gruppo Archeologico Torinese

Castellettocervo_affresco